domenica , 14 Luglio 2024

Home » Giurisprudenza » Trasfusione di sangue infetto e infezione da epatite C

Trasfusione di sangue infetto e infezione da epatite C

Soggetti responsabili e prescrizione

Marzo 28, 2014 9:32 am by: Category: Giurisprudenza Leave a comment A+ / A-

di S. Marinello
Rischio Sanità n. 42 – settembre 2011

In caso di trasfusione di sangue infetto oltre alla responsabilità del Ministero della Salute può sussistere anche quella della struttura ospedaliera ove dette trasfusioni sono avvenute, e ciò anche per gli eventi antecedenti la legge n. 107/1990 che regolamenta tali attività e la produzione di emoderivati; così si è espressa la Corte di Cassazione con la sentenza 14 luglio 2011 n. 15453.
Il caso concerneva un soggetto che aveva subìto un ricovero in ospedale e svariate trasfusioni; il sangue, però, risultava infetto, con conseguente contrazione di epatite C e morte.
Secondo quanto precisato in sentenza, indipendentemente dalla specifica conoscenza del virus Hcv, ben poteva il personale medico sulla base di più datati parametri scientifici, rilevare comunque la non idoneità del sangue ad essere oggetto di trasfusione, e anche prima della citata legge n. 107/1990 sussisteva un obbligo di vigilanza a carico del Ministero.


continua...

RISERVATO AGLI ABBONATI A RISCHIOSANITA'.it


REGISTRATI


PONIQUESITOCONTATTAESPERTOCOLLABORA

Trasfusione di sangue infetto e infezione da epatite C Reviewed by on . di S. Marinello Rischio Sanità n. 42 – settembre 2011 In caso di trasfusione di sangue infetto oltre alla responsabilità del Ministero della Salute può sussiste di S. Marinello Rischio Sanità n. 42 – settembre 2011 In caso di trasfusione di sangue infetto oltre alla responsabilità del Ministero della Salute può sussiste Rating: 0

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.

leaderboard_PROMO
scroll to top