giovedì , 18 Aprile 2024

Home » Rivistadigitale » RischioSanità n°24 – Marzo 2004

RischioSanità n°24 – Marzo 2004

Luglio 29, 2014 2:34 pm by: Category: Rivistadigitale Leave a comment A+ / A-

sommario

Le tensioni tra professionisti in sala operatoria

Un campo per la formazione

La checklist di sala operatoria

Molti errori medici si verificano per assenza od interruzione della comunicazione tra i professionisti che curano il paziente

Fattori invisibili che mettono a rischi la sicurezza in sala operatoria

Nonostante il “movimento per la sicurezza del paziente” stia, anche se lentamente, prendendo piede negli ospedali e nonostante il fatto che la ricerca sul tema della sicurezza stia avanzando su vari fronti, come ad esempio la segnalazione degli incidenti, la ricerca delle cause degli errori e la segnalazione ai danneggiati degli errori commessi nelle cure, la rischiosità delle strutture sanitarie rimane ancora alta.

Cultura della colpa e apprendimento organizzativo

Il rischio derivante dall’esercizio della professione medica costituisce un problema di crescente rilievo a livello sociale, istituzionale e assicurativo.
Errori di trasfusione, interventi chirurgici in sedi sbagliate, errori di identificazione del paziente, somministrazioni di farmaci con dosi errate, sono all’ordine del giorno.

Proposta di una scheda per la rilevazione e la gestione delle segnalazioni fonte di possibili
contenziosi sanitari in una grande azienda ospedaliera

L’evoluzione socio-culturale della popolazione italiana coincide con una richiesta di prestazioni diagnostico-terapeutiche o, più genericamente, assistenziali di qualità progressivamente crescente, sovente superiori alle contingenti possibilità di offerta.

Processo identificativo e centralità del paziente

Gli errori si verificano in molteplici attività sanitarie, compresa la somministrazione di farmaci, di sangue e in parecchie altre procedure diagnostiche e terapeutiche.

Trattamenti sanitari volti alla tutela della salute e al perseguimento di altri fini

Riprendendo il tema della commistione tra trattamenti sanitari volti alla tutela della salute e al contempo, oppure esclusivamente, al perseguimento di altre finalità – argomento di cui si è avviata la discussione in precedente articolo1 – vorremmo esaminare un’ulteriore serie di aspetti correlati a un caso di violenza su minore.

Trattamento crono-chemioterapico a domicilio

Indagine trasversale sulla capacità di autocura del paziente oncologico e del caregiver nella realtà pordenonese

Complicanze perinatali e atetosi con paralisi spastica

Malpractice medica, risarcimento del danno e rivalsa della Corte dei Conti

Trattamenti estetici e responsabilità per lesioni conseguenti

Due modelle ricorrevano a un centro estetico per sottoporsi a un trattamento mesoterapico anticellulitico. Tale trattamento consisteva nella inoculazione di varie sostanze che dovevano aggredire le molecole lipidiche e nel successivo
massaggio meccanico che avrebbe dovuto favorire l’assorbimento – per drenaggio – di tali sostanze.

 

SFOGLIA IL NUMERO DI MARZO 2007


continua...

RISERVATO AGLI ABBONATI A RISCHIOSANITA'.it


REGISTRATI

RischioSanità n°24 – Marzo 2004 Reviewed by on . [toggle style="closed" title="Le tensioni tra professionisti in sala operatoria"]Un campo per la formazione[/toggle] [toggle style="closed" title="La checklist [toggle style="closed" title="Le tensioni tra professionisti in sala operatoria"]Un campo per la formazione[/toggle] [toggle style="closed" title="La checklist Rating: 0
leaderboard_PROMO
scroll to top