giovedì , 1 Dicembre 2022

Home » Risk Management » Medici, infermieri ed operatori sanitari “bruciati”?

Medici, infermieri ed operatori sanitari “bruciati”?

La sindrome del burn-out nel settore sanitario italiano: dati, problematiche, riflessioni giuridiche ed assicurative

Marzo 28, 2014 9:43 am by: Category: Risk Management Leave a comment A+ / A-

di R. Tacconi
Rischio Sanità n. 43 – dicembre 2011

 

(Obiettivo di questo articolo non è dare indicazioni su come battere il burn-out: per questo ci sono specialisti molto più preparati di noi, ma quello di proporre alcuni elementi di riflessione sui dati in materia, con un raffronto con dati internazionali, e di sottolineare le implicazioni sulla salute, sulla responsabilità e le conseguenze sul piano assicurativo).

Un tratto sembra accomunare assessori alla sanità e pazienti: gli operatori sanitari possono lavorare 14-18 ore consecutive senza risentirne e restando sempre lucidi e perfetti.
Va bene che in generale, il lavoro, oggi, pesa più del 10% della vita (noi e i nostri figli viviamo almeno 700 mila ore e ne lavoriamo 70 mila) mentre, i nostri bisnonni vivevano 300 mila ore e ne lavoravano la metà,1 ma certi turni non ci sembrano normali, specialmente quando fanno parte della “prassi” consueta…


continua...

RISERVATO AGLI ABBONATI A RISCHIOSANITA'.it


REGISTRATI


PONIQUESITOCONTATTAESPERTOCOLLABORA

Medici, infermieri ed operatori sanitari “bruciati”? Reviewed by on . di R. Tacconi Rischio Sanità n. 43 – dicembre 2011   (Obiettivo di questo articolo non è dare indicazioni su come battere il burn-out: per questo ci sono s di R. Tacconi Rischio Sanità n. 43 – dicembre 2011   (Obiettivo di questo articolo non è dare indicazioni su come battere il burn-out: per questo ci sono s Rating: 0

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.

leaderboard_PROMO
scroll to top