venerdì , 18 Ottobre 2019

Home » Giurisprudenza » La mancata acquisizione del consenso è una prestazione diversa rispetto all’intervento in sé e dà luogo a un’autonoma voce di danno

La mancata acquisizione del consenso è una prestazione diversa rispetto all’intervento in sé e dà luogo a un’autonoma voce di danno

La mancata acquisizione, da parte del sanitario, del consenso informato del paziente costituisce prestazione altra e diversa rispetto a quella avente a oggetto l’intervento medico, sicché in ragione della diversità dei diritti – rispettivamente, all’autodeterminazione delle scelte terapeutiche e all’integrità psicofisica – pregiudicati nelle due differenti ipotesi dà luogo a un danno suscettibile di ulteriore e autonomo risarcimento rispetto a quello dovuto per l’errata esecuzione di quest’ultimo.

L’obbligo del consenso informato costituisce legittimazione e fondamento del trattamento sanitario senza il quale l’intervento del medico è, al di fuori dei casi di trattamento sanitario per legge obbligatorio o in cui ricorra uno stato di necessità, sicuramente illecito, anche quando è nell’interesse del paziente.


continua...

RISERVATO AGLI ABBONATI A RISCHIOSANITA'.it


REGISTRATI

PONIQUESITOCONTATTAESPERTOCOLLABORA

La mancata acquisizione del consenso è una prestazione diversa rispetto all’intervento in sé e dà luogo a un’autonoma voce di danno Reviewed by on . La mancata acquisizione, da parte del sanitario, del consenso informato del paziente costituisce prestazione altra e diversa rispetto a quella avente a oggetto La mancata acquisizione, da parte del sanitario, del consenso informato del paziente costituisce prestazione altra e diversa rispetto a quella avente a oggetto Rating:
leaderboard_PROMO
scroll to top