mercoledì , 29 Maggio 2024

Home » Risk Management » La cura degli occhi nel paziente in terapia intensiva

La cura degli occhi nel paziente in terapia intensiva

Revisione della letteratura

Marzo 28, 2014 9:25 am by: Category: Risk Management Leave a comment A+ / A-

di AA.VV.
Rischio Sanità n. 42 – settembre 2011

Introduzione

Il paziente critico è quel paziente che è o è stato in condizioni di insufficienza acuta di un organo e di un sistema o di più organi e sistemi con conseguente rischio per la vita. Questa criticità determina la necessita di osservazione continua e di interventi terapeutici ed assistenziali complessi come, ad esempio, la ventilazione meccanica. Ne consegue che i pazienti minimamente responsivi o sedati ricoverati in una terapia intensiva rappresentano la categoria a maggior rischio di sviluppare alterazioni della superficie oculare dovute appunto alla perdita dei meccanismi di difesa. Le complicanze oculari riscontrate sono l’abrasione corneale, la cheratite, l’ulcerazione, la perforazione ecc. con possibile danno visivo. Il rischio di sviluppare tali complicanze è inoltre aumentato quando sono sottoposti a ventilazione meccanica invasiva.


continua...

RISERVATO AGLI ABBONATI A RISCHIOSANITA'.it


REGISTRATI


PONIQUESITOCONTATTAESPERTOCOLLABORA

La cura degli occhi nel paziente in terapia intensiva Reviewed by on . di AA.VV. Rischio Sanità n. 42 – settembre 2011 Introduzione Il paziente critico è quel paziente che è o è stato in condizioni di insufficienza acuta di un orga di AA.VV. Rischio Sanità n. 42 – settembre 2011 Introduzione Il paziente critico è quel paziente che è o è stato in condizioni di insufficienza acuta di un orga Rating: 0

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.

leaderboard_PROMO
scroll to top