mercoledì , 19 Giugno 2019

Home » Giurisprudenza » La coordinatrice avrebbe potuto (e dovuto) chiedere un consulto a un medico del reparto per chiarire la ragione di un simile quantitativo di quel farmaco che appariva oggettivamente esorbitante……

La coordinatrice avrebbe potuto (e dovuto) chiedere un consulto a un medico del reparto per chiarire la ragione di un simile quantitativo di quel farmaco che appariva oggettivamente esorbitante……

Cassazione penale sez. IV, 06/03/2019 n. 20270

Giugno 6, 2019 1:37 pm by: Category: Giurisprudenza Leave a comment A+ / A-

La normativa che regola la professione sanitaria di infermiere fa riferimento a una pluralità di disposizioni di natura legislativa e regolamentare che ne hanno profondamente mutato la natura disegnando l’autonomia operativa propria tipica della figura professionale.

Si tratta, innanzitutto, della Legge n. 43 del 2006, che individua i requisiti di accesso e quelli relativi all’abilitazione indi della Legge n. 251 del 2000 con cui viene stabilito all’art. 1 che “Gli operatori delle professioni sanitarie dell’area delle scienze infermieristiche e della professione sanitaria ostetrica svolgono con autonomia professionale attività dirette alla prevenzione, alla cura e salvaguardia della salute individuale e collettiva, espletando le funzioni individuate dalle norme istitutive dei relativi profili professionali nonchè dagli specifici codici deontologici e utilizzando metodologie di pianificazione per obiettivi dell’assistenza”.

E inoltre del D.M. Sanità 14 settembre 1994, n. 739, ancora vigente e parte integrante della disciplina, contenente il “Regolamento concernente l’individuazione della figura e del relativo profilo professionale dell’infermiere”, secondo il quale: L’infermiere:

  1. a) partecipa all’identificazione dei bisogni di salute della persona e della collettività;
  2. b) identifica i bisogni di assistenza infermieristica della persona e della collettività e formula i relativi obiettivi;
  3. c) pianifica, gestisce e valuta l’intervento assistenziale infermieristico;
  4. d) garantisce la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostico-terapeutiche;
  5. e) agisce sia individualmente sia in collaborazione con gli altri operatori sanitari e sociali;
  6. f) per l’espletamento delle funzioni si avvale, ove necessario, dell’opera del personale di supporto (…).”.

continua...

RISERVATO AGLI ABBONATI A RISCHIOSANITA'.it


REGISTRATI

PONIQUESITOCONTATTAESPERTOCOLLABORA

La coordinatrice avrebbe potuto (e dovuto) chiedere un consulto a un medico del reparto per chiarire la ragione di un simile quantitativo di quel farmaco che appariva oggettivamente esorbitante…… Reviewed by on . La normativa che regola la professione sanitaria di infermiere fa riferimento a una pluralità di disposizioni di natura legislativa e regolamentare che ne hanno La normativa che regola la professione sanitaria di infermiere fa riferimento a una pluralità di disposizioni di natura legislativa e regolamentare che ne hanno Rating: 0

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.

leaderboard_PROMO
scroll to top