giovedì , 22 Febbraio 2024

Home » Giurisprudenza » La causalità per fatto omissivo in attività sanitaria

La causalità per fatto omissivo in attività sanitaria

Cassazione civile sez. III, 19/01/2016 n. 768

Marzo 8, 2016 12:15 pm by: Category: Giurisprudenza Leave a comment A+ / A-

I principi generali che regolano la causalità materiale (o di fatto) sono anche in materia civile quelli delineati dagli artt. 40 e 41 c.p. e dalla regolarità causale; ciò che differenzia l’accertamento del nesso causale in sede penale e in sede civile è la regola probatoria, valendo per il primo il principio dell’oltre ogni ragionevole dubbio, mentre nel secondo vale il principio della preponderanza dell’evidenza o del più probabile che non, fermo restando che la regola della certezza probabilistica non può essere ancorata esclusivamente alla determinazione quantitativa-statistica delle frequenze di classe di eventi (c.d. probabilità quantitativa), ma va verificata riconducendo il grado di fondatezza all’ambito degli elementi di conferma disponibili nel caso concreto (c.d. probabilità logica).


continua...

RISERVATO AGLI ABBONATI A RISCHIOSANITA'.it


REGISTRATI


PONIQUESITOCONTATTAESPERTOCOLLABORA

La causalità per fatto omissivo in attività sanitaria Reviewed by on . I principi generali che regolano la causalità materiale (o di fatto) sono anche in materia civile quelli delineati dagli artt. 40 e 41 c.p. e dalla regolarità c I principi generali che regolano la causalità materiale (o di fatto) sono anche in materia civile quelli delineati dagli artt. 40 e 41 c.p. e dalla regolarità c Rating: 0

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.

leaderboard_PROMO
scroll to top