mercoledì , 29 Novembre 2023

Home » Giurisprudenza » Interruzione volontaria della gravidanza. Presupposti e limiti

Interruzione volontaria della gravidanza. Presupposti e limiti

Cassazione civile sez. III, 11/04/2017 n. 9251

Aprile 18, 2017 2:17 pm by: Category: Giurisprudenza Leave a comment A+ / A-

Nella responsabilità medica da nascita indesiderata, il genitore che agisce per il risarcimento del danno ha l’onere di provare che la madre avrebbe esercitato la facoltà di interrompere la gravidanza – ricorrendone le condizioni di legge – ove fosse stata tempestivamente informata dell’anomalia fetale; quest’onere può essere assolto in base a inferenze desumibili dagli elementi di prova, quali

  • il ricorso al consulto medico proprio per conoscere lo stato di salute del nascituro
  • le precarie condizioni psico-fisiche della gestante
  • le sue pregresse manifestazioni di pensiero propense all’opzione abortiva

continua...

RISERVATO AGLI ABBONATI A RISCHIOSANITA'.it


REGISTRATI


PONIQUESITOCONTATTAESPERTOCOLLABORA

Interruzione volontaria della gravidanza. Presupposti e limiti Reviewed by on . Nella responsabilità medica da nascita indesiderata, il genitore che agisce per il risarcimento del danno ha l'onere di provare che la madre avrebbe esercitato Nella responsabilità medica da nascita indesiderata, il genitore che agisce per il risarcimento del danno ha l'onere di provare che la madre avrebbe esercitato Rating: 0

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.

leaderboard_PROMO
scroll to top