giovedì , 18 Aprile 2024

Home » Risk Management » Danno da trasfusione e responsabilità del ministero

Danno da trasfusione e responsabilità del ministero

Aprile 7, 2014 10:21 am by: Category: Risk Management Leave a comment A+ / A-

di S. Marinello
Rischio Sanità n. 51 – dicembre 2013

A carico del Ministero della salute, anche prima dell’entrata in vigore della legge 4 maggio 1990 n. 107, sussisteva un obbligo di controllo e di vigilanza in materia di raccolta e distribuzione di sangue umano per uso terapeutico. Il giudice, accertata l’omissione di tali attività con riferimento alle cognizioni scientifiche esistenti all’epoca di produzione del preparato, ed accertata l’esistenza di una patologia da virus HIV, HBV o HCV in soggetto emotrasfuso o assuntore di emoderivati, può ritenere, in assenza di altri fattori alternativi, che tale omissione sia stata causa dell’insorgenza della malattia e che, per converso, la condotta doverosa del Ministero, se fosse stata tenuta, avrebbe impedito il verificarsi dell’evento.


continua...

RISERVATO AGLI ABBONATI A RISCHIOSANITA'.it


REGISTRATI


PONIQUESITOCONTATTAESPERTOCOLLABORA

Danno da trasfusione e responsabilità del ministero Reviewed by on . di S. Marinello Rischio Sanità n. 51 – dicembre 2013 A carico del Ministero della salute, anche prima dell’entrata in vigore della legge 4 maggio 1990 n. 107, s di S. Marinello Rischio Sanità n. 51 – dicembre 2013 A carico del Ministero della salute, anche prima dell’entrata in vigore della legge 4 maggio 1990 n. 107, s Rating: 0

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.

leaderboard_PROMO
scroll to top