domenica , 3 Dicembre 2023

Home » Risk Management » Contenzione – Extrema ratio

Contenzione – Extrema ratio

Aprile 4, 2014 12:22 pm by: Category: Risk Management Leave a comment A+ / A-

di G. Negrini
Rischio Sanità n. 49 – giugno 2013

Introduzione

L’attuazione di misure di contenzione affonda le sue origini lontano nel tempo, nell’ambito dei trattamenti dei disturbi mentali. In Francia, l’atto di Philippe Pinel – precursore della psichiatria moderna – del 1794 dette avvio a un nuovo modello di cure, liberando da barbari sistemi di restrizione i folli fino ad allora reclusi e prevedendone il trasferimento nei neonati spazi manicomiali dove, peraltro, fecero subito il loro ingresso diversi mezzi di contenzione: sedie, cinture di cuoio, manette, collari, camicie di forza. (1) Qualche decennio dopo, oltre Manica, lo psichiatra John Conolly sostenne la necessità e la possibilità di una not restraint psychiatry, restando, peraltro, inascoltato. Nel nostro Paese, il Regio Decreto 615/1909 – abrogato dalla legge 180/1978 -, all’articolo 60 disponeva: “nei manicomi debbono essere aboliti o ridotti ai casi assolutamente eccezionali i mezzi di coercizione degli infermi e non possono essere usati se non con l’autorizzazione scritta del direttore o di un medico dell’istituto. Tale autorizzazione deve indicare la natura del mezzo di contenzione”. L’uso dei mezzi di contenzione era in ogni caso vietato nelle case di cura private.


continua...

RISERVATO AGLI ABBONATI A RISCHIOSANITA'.it


REGISTRATI


PONIQUESITOCONTATTAESPERTOCOLLABORA

Contenzione – Extrema ratio Reviewed by on . di G. Negrini Rischio Sanità n. 49 – giugno 2013 Introduzione L’attuazione di misure di contenzione affonda le sue origini lontano nel tempo, nell’ambito dei tr di G. Negrini Rischio Sanità n. 49 – giugno 2013 Introduzione L’attuazione di misure di contenzione affonda le sue origini lontano nel tempo, nell’ambito dei tr Rating: 0

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.

leaderboard_PROMO
scroll to top