lunedì , 20 agosto 2018

Home » Giurisprudenza » Tra le parti chiamate a partecipare all’ATP in materia di responsabilità medica vanno incluse la compagnia assicuratrice dell’ente ospedaliero o del professionista

Tra le parti chiamate a partecipare all’ATP in materia di responsabilità medica vanno incluse la compagnia assicuratrice dell’ente ospedaliero o del professionista

Tribunale Verona sez. III, sentenza del 10/05/2018

luglio 19, 2018 9:41 am by: Category: Giurisprudenza Leave a comment A+ / A-

Sull’eccezione di difetto di legittimazione passiva sollevata dalla compagnia di assicurazione della struttura sanitaria.

L’eccezione, che si fonda sulla assenza nell’attuale assetto normativo di una disciplina che consenta l’azione diretta del danneggiato nei confronti della assicurazione della struttura sanitaria o del sanitario, va disattesa.

La questione invero è assai controversa.

Secondo un primo orientamento, prevalente in dottrina, l’individuazione delle parti chiamate a partecipare al procedimento di ATP dipende dal tipo di azione di merito che il danneggiato intende esperire. Pertanto se essa si dovesse fondare sull’art. 7 legge 24/2017 il giudizio dovrebbe essere promosso nei confronti della struttura sanitaria o dell’esercente la professione sanitaria o di entrambi. Se l’azione risarcitoria avesse carattere diretto, come consente il nuovo art. 12 legge 24/2017, legittimata passiva sarebbe anche la compagnia assicuratrice dell’una o dell’altro.

[level-accesso-ai-contenuti-del-blog]

Tale premessa comporta che, poiché le disposizioni di cui all’azione diretta nei confronti dell’assicurazione si applicano, ai sensi del comma 6 dell’art. 12, a decorrere dall’entrata in vigore del decreto ministeriale che dovrà essere emanato (entro 120 giorni) a norma dell’art. 10, comma 6 (ove devono essere dettati requisiti minimi sulle polizze assicurative), fino a quando non verrà approvato tale decreto il danneggiato potrà convenire nell’ATP solo la struttura sanitaria o il professionista sanitario (in giurisprudenza per tale soluzione si vedano: Trib. Venezia, sez. II civile, 11 settembre 2017; Trib. Padova, sez. ricorsi, 27 novembre 2017).

A questo indirizzo se ne contrappone un altro (Trib. Venezia, sez. II 18 gennaio 2018; Trib. Verona, sez. III civile, 31 gennaio 2018) che evidenzia, a ragione, come la necessità della partecipazione delle compagnie assicuratrici dell’ente ospedaliero o del professionista discenda sia dalla funzione conciliativa dell’istituto che dal dato normativo, che precisa come tali soggetti sono parti del procedimento e, per di più, quelle principalmente onerate della proposta conciliativa.

Un ulteriore riscontro a tale ricostruzione è stata rinvenuta nella clausola di salvezza con cui esordisce l’art. 12 che fa espressamente salve le disposizioni dell’articolo 8.

Orbene, questo giudice ritiene maggiormente condivisibile il secondo dei succitati indirizzi.

A conforto delle condivisibili cui esso giunge militano ulteriori considerazioni rispetto a quelle sopra esposte.

Innanzitutto la possibilità di coinvolgere già nell’ATP le compagnie di assicurazione consente, anche sotto il profilo funzionale, di meglio perseguire la finalità conciliativa che caratterizza l’istituto e che vale a contraddistinguerlo, sotto tale profilo, dalla mediazione, che pure può essere esperita in alternativa all’ATP, ai sensi del comma 2 dell’art. 8, ma nella quale le compagnie di assicurazione raramente vengono coinvolte (si tratta per lo più delle ipotesi in cui vi sia controversia sul rapporto assicurativo o in cui il giudice demandi la mediazione anche su di esso).

Ancora, non va trascurato che il danneggiato sarà indotto a convenire nella procedura stragiudiziale tutti i potenziali soggetti passivi della azione risarcitoria dalla peculiare disciplina in tema di spese che è contenuta nel comma 4 dell’art. 8.

Tale norma prevede infatti, come conseguenza della mancata partecipazione all’ATP, la condanna, con il provvedimento che definisce il successivo giudizio (l’uso del tempo indicativo presente induce ad escludere qualsiasi discrezionalità del giudice al riguardo), della parte, pur vittoriosa, che abbia disatteso la prescrizione normativa al pagamento delle spese di consulenza e di assistenza legale, relative sia al procedimento di ATP che a quello di merito (non anche però le spese dei successivi gradi di giudizio), oltre che di una pena pecuniaria, che, si noti non è quantificata né nel minimo né nel massimo, a vantaggio di tutte le altre parti cha abbiano invece partecipato al procedimento.

Infine giova anche evidenziare che, per molti anni a venire, gli ATP riguarderanno ipotesi di responsabilità da valutarsi sulla scorta delle discipline di diritto sostanziale anteriori alla legge Gelli (si tratta delle norme del codice civile e della l. 8 novembre 2012 n. 189, c.d. legge Balduzzi, per i fatti commessi dopo l’entrata in vigore della stessa), cosicché la definizione dell’ambito soggettivo dell’istituto non può dipendere dalla piena entrata in vigore delle nuove norme.

Alla luce delle considerazioni sin qui svolte deve ritenersi che sono parti necessarie dell’ATP di cui all’art. 8 l. 24/2017 tutti i soggetti che il ricorrente prospetti come obbligati al risarcimento dei danni lamentati, compreso l’esercente la professione sanitaria autore della condotta illecita, anche se dipendente della struttura, che già fosse stato individuato in quella fase ovvero quelle che possono partecipare all’eventuale giudizio di merito.

Tribunale Verona sez. III, sentenza del 10/05/2018

[/level-accesso-ai-contenuti-del-blog]
Tra le parti chiamate a partecipare all’ATP in materia di responsabilità medica vanno incluse la compagnia assicuratrice dell’ente ospedaliero o del professionista Reviewed by on . Sull'eccezione di difetto di legittimazione passiva sollevata dalla compagnia di assicurazione della struttura sanitaria. L'eccezione, che si fonda sulla assenz Sull'eccezione di difetto di legittimazione passiva sollevata dalla compagnia di assicurazione della struttura sanitaria. L'eccezione, che si fonda sulla assenz Rating: 0

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.

leaderboard_PROMO
scroll to top