martedì , 12 dicembre 2017

Home » Risk Management » Infezione ospedaliera in Rianimazione

Infezione ospedaliera in Rianimazione

Fattispecie di casi configuranti profili di responsabilità professionale sanitaria

settembre 13, 2016 3:30 pm by: Category: Risk Management, Senza categoria Leave a comment A+ / A-

a cura di M. Cadamuro Morgante – G. Pavan – S. Muhameti – G. Canal

Un uomo veniva trasferito dalla unità operativa di Malattie Infettive alla unità operativa di Rianimazione di un Ospedale di rete (tipo spoke) per assenza di posti letto in Terapia Intensiva
dell’Ospedale di provenienza.
All’arrivo del paziente in Rianimazione venivano da subito evidenziate le condizioni generali gravi, caratterizzata da dispnea ingravescente con parametri emogasanalitici critici, in
assenza, da parte dei medici invianti, di alcuna segnalazione relativa ad un possibile stato di infezione sostenuto da CPE (Carbapenemase producing enterobacteriaceae – enterobatterio produttore di Carbapenemasi). […]

 

 


continua...

RISERVATO AGLI ABBONATI A RISCHIOSANITA'.it


REGISTRATI

Infezione ospedaliera in Rianimazione Reviewed by on . a cura di M. Cadamuro Morgante – G. Pavan – S. Muhameti – G. Canal Un uomo veniva trasferito dalla unità operativa di Malattie Infettive alla unità operativa di a cura di M. Cadamuro Morgante – G. Pavan – S. Muhameti – G. Canal Un uomo veniva trasferito dalla unità operativa di Malattie Infettive alla unità operativa di Rating: 0

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.

leaderboard_PROMO
scroll to top